Diritto del lavoro, della previdenza sociale e pubblico impiego
Menu
  • Notizie e sentenze
Mercoledì, 06 Maggio 2020 08:20

Covid 19 - Diritto del lavoratore allo Smart Working

il decreto del 4 marzo 2020 “raccomanda” il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza concetto ribadito anche al successivo punto 10) ove si legge che “per tutte le attività non sospese si invita al massimo utilizzo delle modalità di lavoro agile”.

Si tratta quindi di una “raccomandazione” comunque non vincolante per il datore di lavoro che è infatti obbligato alla concessione di tale modalità lavorativa solo nel caso in cui il dipendente abbia nel proprio nucleo familiare una persona con disabilità o sia egli stesso disabile. Nessun diritto per il lavoratore di optare unilateralmente per il lavoro agile ma si deve comunque tenere conto che la legge che disciplina questa modalità prevede all’art. 19 che “L'accordo relativo alla modalità di lavoro agile è stipulato per iscritto ai fini della regolarità amministrativa e della prova” e che “L'accordo ... può essere a termine o a tempo indeterminato in tale ultimo caso il recesso può avvenire con un preavviso non inferiore a trenta giorni”. Con conseguente diritto allo svolgimento dell’attività lavorativa con tali modalità quantomeno sino alla cessazione del periodo concordato o nell’osservanza del termine di preavviso.

Contattaci per far valere i tuoi diritti

Siamo a tua disposizione per un consulto.
Fissa un appuntamento telefonando o compilando il modulo sottostante per essere ricontattato

TELEFONO

+39 045 8002316

INDIRIZZO

via Carmelitani Scalzi, 21 - 37122 Verona

Privacy Policy