Diritto del lavoro, della previdenza sociale e pubblico impiego
Menu
  • Notizie e sentenze
Sabato, 24 Novembre 2018 06:33

Disoccupazione: sentenza n. 591/2018 pubblicata il 13 novembre 2018

Disoccupazione: il tardivo esercizio della facoltà d'opzione per il pagamento della Naspi rispetto all'assegno di invalidità civile non pregiudica l'accoglimento della richiesta

E' quanto stabilito dalla recente sentenza n. 591/2018 pubblicata il 13 novembre 2018 con la quale il Tribunale di Verona ha accolto il ricorso promosso da un cliente dello Studio Legale Avvocato Daniele Mascia, già titolare dell'assegno di invalidità civile, che si era visto negare il trattamento di disoccupazione perchè nel presentare la domanda non aveva esercitato l'opzione per usufruire di tale beneficio.

L'interessato aveva optato per la Naspi solo con una tardiva richiesta di riesame e con il ricorso amministrativo e l'inps aveva respinto la domanda. Nell'accogliere il ricorso il tribunale ha negato che la preliminare omissione dell'interessato comportasse una decadenza dal diritto alla Naspi, potendo l'inps procedere alla revisione ed alla rivalutazione delle precedenti determinazioni.

Nel ricorso introduttivo l'interessato si era infatti richiamato al disposto dell'art. 8 della legge 533/73 nonchè agli art. 9 e 25 della circolare Inps 125/93, avente ad oggetto il regolamento della procedure in materia di ricorsi amministrativi, ritenendo che, in sede amministrativa il mancato tempestivo esercizio dell'opzione per il pagamento della Naspi piuttosto che dell'assegno di invalidità in godimento, costituisca una preclusione o una decadenza comunque sanabile nel proseguo del procedimento.

Contattaci per far valere i tuoi diritti

Siamo a tua disposizione per un consulto.
Fissa un appuntamento telefonando o compilando il modulo sottostante per essere ricontattato

TELEFONO

+39 045 8002316

INDIRIZZO

via Carmelitani Scalzi, 21 - 37122 Verona

Privacy Policy